La Fashion Week SS16 di Parigi si è conclusa: il sipario è sceso, i riflettori si sono spenti e noi ci siamo prese qualche giorno per metabolizzare tutto quello che i nostri occhi hanno carpito. L’Alta Moda si è poi spostata, con il suo seguito scintillante, in una Roma che ancora fatica ad imporre un proprio carattere distintivo: che sia finalmente giunto il momento di sfruttare a pieno la potenza del Made in Italy?

Nelle ultime edizioni sono i talenti emergenti i veri protagonisti della fashion week Capitolina, grazie al concorso Who is on Next, organizzato da Alta Roma in collaborazione con Vogue Italia. Ma torniamo alla Fashion Week SS16 parigina e alla nostra sketchy Top 3 delle collezioni Haute Couture che più hanno rapito il nostro cuore modaiolo.

#1 Valentino: Incanto, romanticismo e sartorialità

Gli eredi de L’Ultimo Imperatore, Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, riconfermano la loro inimitabile capacità di portare avanti il disegno di Valentino, senza stravolgerne lo stile. Ogni nuova collezione è l’evoluzione della precedente in un climax continuo verso l’olimpo della Moda.

#2 Viktor & Rolf: estro, pazzia ed ironia

Provocatori per eccellenza, Viktor & Rolf dimostrano ancora una volta quanto sia necessario mantenere anche l’aspetto “giocoso” della moda. Scegliere il bianco, che racchiude in se tutti i colori, e plasmare sulla sua purezza dei veri e propri totem viventi. Ci uniamo al culto di queste antiche divinità senza batter ciglio.

#3 Chanel: raffinatezza, tradizione e minuziosità

Il Kaiser della moda non sbaglia un colpo, e forte del suo esercito sartoriale continua a tenere alto il suo vessillo. Le minuziose lavorazioni che nascono dalle sapienti mani delle ricamatrici Chanel sono impareggiabili: guardare per credere.


Credits ph: Indigital (runways) & Chloé Le Drezen (V&R backstage)
 Graphics by Diletta Guglielmino – Text & illustrations by Chiara Rigoni